Dall’inchiesta condotta dalla Dda di Catanzaro, la ricostruzione storica, i legami e gli interessi di uno dei più attivi e potenti clan di ‘ndrangheta attivi nel Vibonese. Il pentito Moscato: «Hanno più amicizie dei Mancuso». La paura degli amministratori e i contrasti con il clan di Limbadi

Sorgente: «Mi spavento pure a guardarli». Tra armi, guerre e affari i Bonavota terrorizzavano Sant’Onofrio – Corriere della Calabria

Share This