Accadeva tra i Vicoli di Pizzo: DONNA RORA!

Pubblicato da Rocco Greco in poesia · 20/7/2016 08:44:00
Tags: roccogrecopoesiapizzovicoli
ACCADEVA TRA I VICOLI DI PIZZO: DONNA RORA!

Donna Rora era una donna che, nata nella seconda metà dell’ottocento, ha vissuto sino agli anni sessanta “supra ô Chjanu”. Oramai di una certa età, viveva da sola e, come si dice, affetta da “scalora”! Bastava poco per farla strepitare, imprecare ed inveire con parole colorite: i bambini che giocavano vicino la sua porta; qualcuno che passava e batteva gli zoccoli; la “massara” che vendijava: «Ova frischi». Molti, conoscendola, “s’ammogghjàvanu u pani”, lo facevano apposta, proprio per sentire le sue frasi colorite e pepate!
Uscito dalla cantina un gruppetto di giovanotti, passando “du Chjanu”, si mette a cantare:
– «Mi chjamu Turi Friscu
e vegnu ‘i Vajana Longa,
ti càcciu u mmangiàsunu
nda nu creddu!»
Donna Rora, “viatu” esce sulla porta e li ammonisce:
– «Ih porci,
avarissivu u vi menditi scornu!
No’ ndaviti russiri nda ‘sta facci!?»
E questi, cumbinati “’na siccia”, ridendo e schiamazzando con ancora maggiore vigore:
– «Mi chjamu Turi Friscu
e vegnu ‘i Vajana Longa,
ti càcciu u mmangiàsunu
nda nu creddu!»
– «Ngì u cacciàti ê mammi e ai soru vostri u mmangiàsuni,
porci chi no’ siti atru!
A mmìa ca mu rifriscanu, ‘sti fetusi!!!»

Pin It on Pinterest

Share This