Select Page

Giorno: 21 ottobre 2013

20131021 I TESORI DI PIZZO: CHIESA DI PIEDIGROTTA.

I TESORI DI PIZZO: CHIESA DI PIEDIGROTTA. UN GIOIELLO UNICO CHE SI STA CONSUMANDO NEL PIU’ COMPLETO ABBANDONO. SONO STATI SPESI E SI CONTINUERANNO A SPENDERE MILIONI DI EURO PER MIGLIORARE L’ACCESSO ALLA CHIESA E PER PERFEZIONARNE L’ACQUISIZIONE AL PATRIMONIO COMUNALE, MA NULLA SI STA FACENDO PER L’INTERNO DELLA STESSA E PER LE OPERE IVI CONTENUTE.LE PITTURE SONO IN UNA CONDIZIONE INDECOROSA, LE SCULTURE DI TUFO SONO STATE LETTERALMENTE CONSUMATE DAI VISITATORI I QUALI POSSONO ACCEDERE IN OGNI ANGOLO DELLA CHIESA SENZA ALCUNA LIMITAZIONE, LA CAPPELLA DELLA MADONNA DI POMPEI PRESENTA MICRO CROLLI CHE DOVREBBERO ESSERE STUDIATI E SISTEMATI, ECC. LA VERA CHIESA E’ DENTRO LE GROTTE ED E’ QUESTA CHE SI DOVREBBE VALORIZZARE, TUTELARE E CONSERVARE. LE FOTO SONO DELLO SCRIVENTE E RISALGONO AL...

Read More

20130519 LA MEDAGLIA D’ORO CONIATA DAI BORBONE PER RICORDARE LA MORTE DI MURAT

Il 19 maggio 2013 con gli Amici dell’Associazione Murat ci siamo recati a Napoli presso il Museo Nazionale per verificare la conservazione dell’unico esemplare di moneta in oro coniato nel 1815 da Re Ferdinando in memoria della fine di J. Murat. Le monete con una grande cerimonia pubblica furono distribuite ai componenti l’Amministrazione Comunale dell’epoca, ma successivamente furono ritirate da un emissario di Giuseppe Garibaldi e riportate a Napoli, dove dopo la consegna al Ministro Liborio Romano si sono perse le tracce. Unico esemplare e quello delle foto....

Read More

20131020 RISPOSTA ALLE INSINUAZIONI DI ALCUNI MOVIMENTI NEO-BORBONICI PER COME RIPORTATO SU ALCUNI ORGANI DI STAMPA,

RISPOSTA ALLE INSINUAZIONI DI ALCUNI MOVIMENTI NEO-BORBONICI PER COME RIPORTATO SU ALCUNI ORGANI DI STAMPA, Quella di Murat è stata l’ennesima esecuzione senza processo fatta dai Borbone. Durante gli anni che hanno governato, sia prima che dopo il Decennio francese e fino alla cacciata ad opera di Garibaldi e di tutto il popolo meridionale, hanno continuato nella politica del terrore attraverso processi sommari e continue stragi. Vedi le esecuzioni dopo la fine della Repubblica partenopea in cui distrussero tutta la classe borghese del Regno di Napoli. Anche i cittadini di Pizzo hanno subito la loro ferocia durante la durissima repressione del 1848 realizzata da quello stesso Generale Nunziante che tanta parte ebbe nelle vicende murattiane come si può facilmente vedere a Pizzo leggendo la stele marmorea posta alla Fontanavecchia. Ed i Pizzitani non erano nemici ma sudditi tra i più fedeli, anzi fedelissimi, come diceva il riconoscimento del Re Ferdinando. I Francesi quando entrarono in Calabria dovettero combattere contro le truppe borboniche ed i loro fiancheggiatori. I briganti antifrancesi non erano come i briganti antisavoia. I primi inquadrati nei ranghi dell’esercito borbonico erano militari in guerra contro i francesi e come tali erano trattati. Mentre i secondi erano italiani contro italiani in una guerra civile molto più pesante e sanguinosa della prima. Murat e la sua fucilazione rappresenta un chiodo inserito nelle coscienze dei novelli neo-borbonici perchè mostra loro...

Read More

Traduci

Processione degli Angelej 2018

“L’AFFRUNTATA” DEL 30/3/2018

Archivi in ordine alfabetico

Archivi in ordine di data

Statistiche di Google Analytics

generato da GADWP 

RSS BANDI REGIONE CALABRIA